Download E-books Un'ora nella macchia batte qualsiasi libro PDF

By Doris Lessing

Dopo venticinque anni da Indesiderata, Doris Lessing può tornare nel paese dov'è cresciuta: l. a. Rhodesia meridionale, oggi Zimbabwe. E inevitabilmente al viaggio reale si intreccia quello della memoria, alla ricerca dei luoghi amati da ragazza in un paese in cerca di un rinnovamento difficile da trovare. Luoghi, persone, incontri, ma soprattutto l. a. ricerca della “macchia”, quel luogo in cui non solo si è con gli animali, ma si è uno di loro. l. a. ritroverà o tutto è troppo profondamente mutato? Aveva dunque ragione suo fratello affermando senza esitazione che “un'ora nella macchia batte qualsiasi libro”?

Show description

Read or Download Un'ora nella macchia batte qualsiasi libro PDF

Similar Literature books

The Dixon Cornbelt League, and Other Baseball Stories

A set of ghostly baseball tales by way of the writer of Shoeless Joe, the foundation for the movie box of goals, depicts a paranormal, mystical universe the place the nationwide hobby is regularly in season. 35,000 first printing. $25,000 ad/promo. travel.

Slingshot: A Spycatcher Novel (Spycatcher Novels)

Matthew Dunn makes use of his adventure as a former MI6 box officer to carry transfixing realism to Slingshot, his 3rd Spycatcher novel that includes Will Cochrane—MI6’s, and now the CIA’s, so much prized asset and deadliest weapon. In Slingshot, Cochrane is ordered to get better a mysterious record stolen through a Russian international Intelligence provider (SRV) traitor operating for a former high-ranking East German Stasi officer.

Codex

Approximately to leave on his first holiday in years, Edward Wozny, a hotshot younger funding banker, is shipped to aid considered one of his firm's most crucial and mysterious consumers. His job is to go looking their library stacks for a priceless medieval codex, a treasure stored sealed away for a few years and for lots of purposes.

Additional resources for Un'ora nella macchia batte qualsiasi libro

Show sample text content

Non appena seduta in aereo, fui invasa da emozioni fuori luogo, fin troppo forti. Tanto according to cominciare, le hostess erano tutte nere, cosa un pace impossibile. Dato che quasi tutti i passeggeri erano bianchi e quelle ragazze non avevano motivo di aspettarsi alcuna cortesia da loro, si tenevano sulla difensiva e non guardavano nessuno negli occhi. L'atmosfera period poco piacevole. Speravo di potermi sedere di fianco a un nero, cosi da potermi fare un'idea di cosa si pensava, invece mi trovai accanto un bianco, proprietario di cavalli da corsa, un uomo sulla quarantina, che according to tutte le dieci ore di viaggio non smise un attimo di mugugnare contro il nuovo governo nero. Avevo gia avuto modo di sentire quel genere di stizzosa lamentela: alle celebrazioni in step with l'Indipendenza in Zambia i funzionari bianchi di un'amministrazione che non aveva fatto nulla in keeping with preparare i neri alle responsabilita snocciolavano esempi di inefficienza con facce che sprizzavano trionfo e malignita. Ed eccoci di nuovo. L'uomo insisteva sul concetto che quello period ancora il Paese di Dio e che li poteva allevare e addestrare cavalli da corsa meglio che in qualsiasi altra parte del mondo; lui e l. a. sua famiglia conducevano una vita meravigliosa e non se ne sarebbe mai andato, ma il governo nero... Ascoltavo con un orecchio solo pensando che presto, una volta pagato il pedaggio al mondo bianco, avrei potuto lasciarlo e scoprire qualcosa sul nuovo Zimbabwe. in line with intanto quell'uomo mi suscitava antipatia e los angeles medesima impazienza di tanti anni prima, quando vivevo li. Puerile, viziato, troppo indulgente con se stesso, rancoroso... si, period tutto cio insieme, erano tutti cosi, o almeno los angeles maggior parte, ma con questo? Perche dovevo farmi coinvolgere cosi tanto? Mentre si lagnava delle privazioni che aveva dovuto sopportare in campo alimentare, venne servita l. a. colazione: fette di bacon, uova strapazzate, salsicce, frittelle; un pasto adatto a un bracciante agricolo o a un becchino. Il piccolo aeroporto period immutato: quasi non lo vidi. Sedotta dagli odori, dai colori della terra, il mio equilibrio emotivo period andato a farsi benedire. All'Immigrazione c'era un giovane timido, titubante e inesperto, che mi chiese se meditavo di trasferirmi li a vivere: troppi dei "nostri amici" se n'erano andati a causa del governo precedente. Si informo sul mio passaporto: sono nata in Persia e gli spiegai che si poteva tranquillamente paragonare Persia e Iran a Rhodesia del Sud e Zimbabwe. Quando cambiai i soldi alla banca dell'aeroporto, il funzionario mi chiese se ero los angeles scrittrice e mi dette il benvenuto a nome di tutto lo Zimbabwe. Uscii nell'aria secca e profumata e piansi. C'era anche il ragazzo che aveva portato l'auto a nolo all'aeroporto. Ero talmente occupata a riprendere il controllo delle mie ghiandole lacrimali, che quasi non vedevo le strade. Lasciai il ragazzo all'autonoleggio e parcheggiai. Ero tutta sola consistent with le vie della citta che un pace period stata los angeles mia grande citta. l. a. grande citta Naturalmente los angeles vecchia citta con un solo cavallo, tutta su un piano solo, period scomparsa...

Rated 4.84 of 5 – based on 8 votes